Il Colore delle Feci

colore feci

La bilirubina e il colore marrone

Il colore delle feci , quando è “normale” oscilla nelle varie tonalità di marrone ed è determinato dalla degradazione della bilirubina presente nella bile.

La bilirubina deriva dalla degradazione dell’ emoglobina, contenuta nei globuli rossi, che lega e trasporta l’ossigeno ai tessuti.

Il colore delle feci: dai globuli rossi a…

I globuli rossi quando invecchiano vengono intrappolati e  degradati all’interno della milza, dove tramite processi enzimatici , l’emoglobina  viene trasformata in biliverdina di colore verde e quindi in bilirubina di colore giallo  che  viene trasportata nelle cellule del fegato.

Da  queste cellule viene legata  a due molecole di acido glucuronico ed escreta  nella bile.

La bile viene escreta nell’intestino  e la bilirubina viene scissa dall’acido glucuronico e degradata dai batteri del microbiota (flora) intestinale in urobilinogeno che, assorbito solo in parte, viene escreto nelle urina  alle quali conferisce  il colore giallo oro

Chiare o scure: è il tempo di transizione

La parte non assorbita dell’urobilinogeno prosegue il tragitto nell’intestino e , sempre  per l’intervento dei batteri, viene trasformato in stercobilinogeno che conferisce il colore  marrone alle feci.

A seconda della quantità di stercobilina il colore  marrone delle feci  varia in modo direttamente proporzionale da più chiaro a più scuro.

Per produrre stercobilina l’intestino necessita di tempo: è questa la banalissima ragione per cui , quando abbiamo diarrea e il transito delle feci è “troppo” rapido, le feci tendono al marrone chiaro; viceversa negli episodi di stitichezza al marrone scuro